Risse, alcol a minorenni e violenza: chiusura “forzata” per tre bar – Il Gazzettino.it

A 13 anni in comunità per abuso di alcol e droghe, la denuncia della presidente della Lelat – MessinaToday

Molto facilmente ci si può procurare alcol, a qualsiasi età, nonostante le leggi. Il mondo degli adulti presenta crepe da cui filtrano irresponsabilità e cinismo verso i più giovani e vulnerabili. 

Somministrare alcol ai minorenni non è una semplice trasgressione di un regolamento: è come lo spaccio. L’alcol produce effetti dannosi su molti organi e in particolare sul sistema nervoso: la dinamicità delle funzioni biologiche dei minori, che serve per portare a compimento i processi di crescita, fa sì che ogni stimolo produca su di loro effetti amplificati. Un adulto è come a una persona ben stabile sui suoi piedi a cui bisogna dare una bella spinta per squilibrarlo; un minorenne è come una persona che sta correndo velocemente e basta una minima spinta per sbilanciarlo. 

E l’alcol non è una spinta lieve.

Adolescenti e alcol: cosa possono fare gli adulti?

L’adolescente ha già di suo la tendenza a correre rischi, a provare il proibito, a oltrepassare i limiti: è una legge di natura. L’educazione degli adulti ha un ruolo importante per fare sì che questa spinta biologica possa esprimersi senza conseguenze troppo negative. 

L’educazione sanitaria e la promozione della salute devono affiancare la repressione dei comportamenti distruttivi degli adulti, per un cambiamento culturale profondo, che permetta ai giovani di correre liberamente, senza che nessuno faccia loro sgambetti vigliacchi.

Riprendi il controllo della tua vita, libero dalla dipendenza.

I nostri servizi sono adesso disponibili anche online.