Modella influencer guadagna 60 mila dollari al mese fumando cannabis – Il Messaggero

Di solito si pensa che la droga sia solo un male, che danneggi la salute e comprometta il lavoro e i rapporti sociali. Nel caso riportato da Il Messaggero potrebbe sembrare che ci troviamo di fronte ad una evidente smentita: una ragazza di 29 anni, senza un particolare curriculum formativo e professionale, ha dato una svolta alla sua vita che era (lei dice) deprimente inventandosi la professione di fumatrice di cannabis in lingerie su social media. Pare che abbia 300.000 followers, che gli sponsor se la contendano e che incassi diverse migliaia di dollari al mese.

 

Ma non bisogna farsi fuorviare dal titolo: non è il fumare cannabis in lingerie che ha procurato successo e denaro; molti lo fanno tra le mura domestiche senza avere per questo un articolo sui giornali. È averlo fatto sui social che ha prodotto e amplificato il guadagno. 

Avere successo senza alcun merito né capacità è stupefacente: ricorda il meccanismo neurobiologico della dipendenza, per cui il piacere intenso della droga ricorda l’orgasmo, ma senza fare la fatica di trovare un partner e fare l’amore.